Felice inizio

20 voce
Voce al porcile
Ho portato le mie ossa cave di clarino
a vegliare il cadavere dell’anno.
Non ho perduto il conto, ed ho sgranato
intera la paura
nel dieci-nove-otto
ho trangugiato pura la mia attesa, ho atteso il botto
sette-sei-cinque-quattro
ho recitato
il ruolo fino in fondo
fino all’ultimo secondo
scacco matto
tre-due-uno
ancora uno scalino
aprimi la porta, in quante vite è marcio
questo mio sangue di vino?
 

Eccomi sopra al tempo, che combatto
me con me stesso, con le tre parole
che a volte, solo a volte, mi regalo.
E tu, là sotto, che non vedi lacrime,
non pensarlo per te, neppure un attimo,
questo giullare monco del suo meglio.
Come un monaco in chiostro
canto il mio vespro sopra il palcoscenico:
non sono meno solo perché siete
alveare
che ronza ad ignorare
questo mio pianto d’alcool e d’inchiostro
dedicato al silenzio
che San Nicola non mi sa portare.
 
E poi l’anno è venuto, ed è puntuale.
Come ogni anno scoppia ancora un altro carnevale
e s’alza, piano, la piena del voler dimenticare.
Tu versami nel bicchiere una Corona di spine:
se il mio pensare è un pianto che non vedi,
vorrei volermi come tu mi vuoi.
 
Continuo. Non mi fermo. La piazza è levigata.
Come una pugnalata
vi strino due frammenti dal mio inferno,
ma voi, giù nel rumore,
parassiti del mio dolore
non vedete la voce che si scava
una fossa di terra chiara:
se esiste l’Assassino, che mi spari ora
mi decervelli con la Voce in cuore
un suo proiettile d’oro.
 
Ma milioni di belve non fanno un coro.
Cosa altro posso fare?
Cantare un branco natale?
Povere belve al macello, avete ragione:
il piantobar si lasci ai giorni che verranno
sia gioia, per l’ultimo dell’anno!
E allora eseguo esatto il compito d’istrione.
Nascondervi lo scannatoio: questo è scritto
oggi sul mio copione.
Guidarvi al nulla senza mai domarvi
è il dolce morire dell’attore.
 
Che bella serata ch’è stata
che bella serata passata.
Ma, cari parassiti del mio orrore,
io stesso non so dire quanto è nero
l’odio che nutre tutto questo amore.
 
 
inedito – dedicato a V.C.

 

* * *

[originariamente pubblicato nel blog “Il teatro di Sisifo”,
sulla piattaforma Splinder]

* * *

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Pubblicato il 01/01/2008 su Con parole mie. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 4 commenti.

  1. Inutile dire caro amico, quanto “mie” siano queste tue parole…
    conosci il nero umore che mi cinge per il “necessario” (?) festeggiamento della fine del vecchio e l’inizio del nuovo (comico…), ma leggerle mi ridona una smorfia simile ad un sorriso…

    Grazie, come sempre…

    Michele

  2. Caro Michele,
    grazie della tua visita. Del capodanno non vorrei aggiungere nulla. A parte che la normalità è un privilegio che ci sfugge.
    Saluti da un dove insolito,
    Alessandro

  3. E tu c’hai messo tutta la poesia calpestata di quel giorno, tutta la poesia, in ogni caso.

    Io, di contro voglio dirti, con ancora tanto calore intorno, che il capannello (quello a trois, di voi amorosi e protettivi compagni) di quella sera è cosa che mi porto come coperta calda ancora oggi.

    🙂

    Rr

  4. alessandromelis

    Carissima Rita,
    fare copertina calda a proteggere l’ovetta dall’orribile baldanza della festa; proteggerci, reciprocamente, della chiara percezione d’estraneità: ecco il senso (se mai ce n’è uno, nelle cose) del nostro primodanno.
    Bello è stato condividerci.

    A presto,
    A.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...