Buona giornata

Sovviene, in taluni mattini di inesorabile inquietudine, la spaventosa illusione che la vita diurna dell’azione agita sia insonne parentesi tra due pacificati frammenti di esistenza onirica. Sospende il dubbio che la vera dimensione dell’essere umano sia l’orizzontale quiete notturna, e il caos solare irrimediabile incubo. In questi mattini malsani di vita stagnante, il risveglio è momento di famelico abbandono, infinitesimo di distante rinuncia. Oceano puntiforme in equilibrio sul labile confine tra il continente notturno dell’esistere e le regioni assolate del sonno. L’esperienza è per lo più rara, sempre sgradevole, eppure generosa di un’iperumana incoscienza, una sospensione tra veglia e sonno in cui, per un attimo, non siamo.

L’incoscienza di sé è nel lampo del risveglio, anarchico d’ogni legge, non nel sonno. Nella città del sogno ancora siamo, benché padroni d’un’esistenza svincolata, immersa in un’algebra irrazionale di geometrie antieuclidee. Nel fulmineo trascorrere dall’azione sognata, cosciente anche se sommessa a leggi diverse, all’azione agita della coscienza sveglia, per un attimo nessuno dei due codici vige, e noi indoviniamo il nostro nulla dolente. Sulle palpebre cala l’oscurità dell’alba, tramonta la luminosa notte del sogno. La luce affilata apre l’occhio, ferita che sanguina lacrime. Dimentichi dell’ultimo sogno, coscienti d’aver smarrito un mondo, sentiamo tutto il peso del nostro essere mortali. In questi mattini, la luce d’immenso è menzogna.

(da un’inedita impostura)

 

* * *

[originariamente pubblicato nel blog “Il teatro di Sisifo”,
sulla piattaforma Splinder]

* * *

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Pubblicato il 24/01/2008 su Con parole mie. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 5 commenti.

  1. Quanta strada prevedo per questa scrittura, Alessandro! Sono anni che navigo nei più autorevoli blog letterari e seguo, per quanto posso, la nostra narrativa, ma ti assicuro che piuttosto di rado incrocio testi validi come questi, capaci davvero – e non solo nelle intenzioni -di intrecciare dimensione speculativa e qualità letteraria (oppure, come in quelli più ‘giornalistici’ di altri tuoi post, anche saggistica, elzeviristica, critica letteraria o cinematografica). Mix di generi e varietà di temi: è questa una delle nuove frontiere della scrittura, e tu la pratichi in modo spontaneo, ‘leggero’ e raffinato insieme. E’ un piacere leggerti.
    Felice giornata
    Antonio

  2. alessandromelis

    Antonio Fiori, ovvero (tra le mille altre cose) il cerusico dell’autostima: dopo un commento come il tuo uno torna a intrecciare parole sognando (almeno) Stoccolma!
    A parte gli scherzi, caro Antonio grazie infinite: ogni tuo passaggio in questo mio teatro è sempre una festa con pasticcini e champagne.

    A presto,
    A.

  3. PannychisXI

    Concordo pienamente con quanto scritto da A.Fiori. Le competenze, la prematura tragica sapienza, la precisione millimetrica del suo usare le parole, la commedia nel bene e nel male, la capacità di far assaporare il terrore umano scorticato, fanno del “nostro” in questione una gemma di prossimo chiassoso sbocciare. Immaginandolo ora, dopo la lettura di queste parole, colorato di gratitudine nelle piume, gli ricordo che non sarebbe male, tra tutto ciò che è in grado di fare, imparare a ripararmi la perdita che da un mese ha il mio lavello di cucina. Saluti.

  4. Precisione millimetrica, che belle parole usa la Pizia per descrivere questo testo… come darle torto, come dare torto ad Antonio Fiori…
    è una gioia riscoprirti (semmai ce ne fosse ancora bisogno) amico mio…

    Michele

  5. alessandromelis

    Cara Pizia, caro Michele
    ho piume spettinate, ma grate.
    Inferriate, direi…
    Quanto ai tubi ai rubinetti e ai flessibili, prometto di diventare un ottimo uomo di casa, ma solo dopo il matrimonio, alle prossime calende ateniesi.

    Grazie del vostro affetto,
    baci,
    A.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...