contributo per una possibile, disordinata ricostruzione (1)

2009_04_15 mutis1

Programma per una poesia
(Alvaro Mutis, 1952)
parte prima

Finita la charanga, i musicisti raccolgono assonnati gli strumenti e approfittano dell’ultima luce del pomeriggio per mettere in ordine i loro spartiti.
Prima di perdersi nell’oscurità delle strade, gli spettatori danno la loro opinione sul concerto. Alcuni si esprimono con deliberata e scrupolosa chiarezza. Si trova chi riferisce della vicenda con un fervore giovanile conservato accuratamente tutto il pomeriggio, per farlo brillare in quel momento con un fuoco d’artificio al crepuscolo. Altri opinano con terribile certezza e convinzione, lasciando tuttavia intravedere nella voce frammenti del grande sipario d’apatia sul quale proiettano tutti i loro gesti, tutte le loro parole.
La piazza resta vuota, immensa nell’oscurità senza rive. L’acqua di una fontana sottolinea l’attesa e l’ansietà che con lenta nitidezza vanno impossessandosi di tutto l’ambiente.
Da lontano si comincia a sentire la musica barbara che si avvicina. Dal cavo più profondo della notte sorge questo suono planetario e ruggente che strappa dal più nascosto dell’anima le radici palpitanti di passioni dimenticate.
Qualcosa inizia.

Programma

Tutto è già stato fatto. Hanno suonato tutte le musiche possibili. Sono stati provati tutti gli strumenti nel loro meschino ruolo di solisti. La grande, disordinata e tiepida notte che ci assale va ricevuta con un canto che abbia molto della sua essenza, intessuto con i fili che si tendono fino alla più esile linea del giorno che muore, con i fili più tesi e lunghi, con i più antichi, con quelli che portano ancora con sé, come i cavi del telegrafo quando piove, il fresco messaggio mattutino ormai dimenticato già da tanto tempo.
Cerchiamo le parole più antiche, le forme più fresche e accurate del linguaggio, con loro va pronunciato l’ultimo atto. Con loro daremo l’addio a un mondo che sprofonda nel caos definitivo ed estraneo del futuro.
Tingiamo tuttavia quelle parole con l’ombra proficua e magnifica del caos. Non del piccolo caos domestico usato sinora per spaventare i poeti-bambini. Non degli incubi ad hoc prodotti in serie per tentare ingenuamente di vaccinarci contro il disordine venturo.
No. Ungiamoci con la specie disordinata in cui ci immergeremo domani.
Come i faraoni, è necessario avere le più belle parole pronte sulle labbra, affinché ci accompagnino nel viaggio attraverso il mondo delle tenebre. Che avrebbero fatto loro con le untuose formule quotidiane in un istante così terribile ed eterno? Le avrebbero soppesate inutilmente ritardando la marcia e spogliandola di grandezza.
Per prevenire qualsiasi possibilità che ciò accada a noi ora, è bene mettere a nudo la vera essenza di alcuni elementi usati fino ad oggi con fiducia eccessiva e racchiusi per fare ciò in formule ingenue che si ripetono nei mercati.

La morte

Non inventiamo le sue acque. Né tentiamo di indovinare goffamente i suoi alvei deliziosi, le sue glorie nascoste. A nulla serve fingere familiarità con lei. Riconduciamola alla sua antica e vera presenza. Veneriamola con le preghiere antiche e torneranno in vista le sue rotte complicate, tornerà a incantarci il suo folto groviglio di città cieche dove il silenzio sviluppa le sue liquide spezie. I grandi uccelli saranno di nuovo presenti sulle nostre teste e le loro ombre fugaci spegneranno soavemente i nostri occhi. Con il volto nudo, la pelle serrata alle ossa fondamentali che sostennero i lineamenti, la fiducia nella morte tornerà per rallegrare i nostri giorni.

L’odio

Di tutte le bende con cui abbiamo tentato di curare le sue ferite facciamo un mucchio sudicio al nostro fianco. Che vibrino le labbra nude della piaga al sole purificatore di mezzogiorno. Che i venti squarcino la pelle e si portino via brandelli del nostro essere nel loro disordinato viaggio tra le distese. Seminiamo l’alto fiore palpitante dell’odio. Spargiamo ai quattro venti il suo seme. Con il raccolto tra le braccia entreremo per le prime porte di porticati bianchi.
Non più le falsificazioni dell’odio: l’odio per l’ingiustizia, l’odio per gli uomini, l’odio per le forme, l’odio per la libertà, non ci hanno consentito di vedere la grande maschera purificatrice dell’odio vero, dell’odio che sigilla i denti e lascia gli occhi fissi nel nulla, dove andremo a perderci un giorno. Lui darà le migliori voci per il canto, le parole che serviranno per sostenere alla sommità la sua architettura perenne.

L’uomo

Della sua goffaggine essenziale, dei suoi gesti vani e consumati, dei suoi desideri equivoci e tenaci, del suo «da nessuna parte», del suo censurato anelito di comunicare, dei suoi viaggi continui e ridicoli, del suo alzare le spalle come una scimmia affamata, del suo riso convenzionale e timoroso, della sua poverissima litania di passioni, dei suoi salti preparati e senza rischio, delle sue viscere tiepide e sterili, di tutta questa piccola armonia domestica, il canto deve fare il proprio motivo principale.
Non temete lo sforzo. Attraverso i secoli c’è chi è riuscito felicemente. Non importa perdersi per quello, diventare estranei, allontanarsi dal cammino e sedersi a guardare il passaggio delle truppe con uno sguardo spesso di alcol. Non importa.

 

* * *

[originariamente pubblicato nel blog “Il teatro di Sisifo”,
sulla piattaforma Splinder]

* * *

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annunci

Pubblicato il 15 aprile 2009 su Con parole d'altri, MutisAlvaro. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...