appunti di psicoterapia politica (2)

Le mani che pregano e quelle che respingono
di Francesco Merlo

On wednesday may 6 Italian ships intercepted 227 would be immigrants at sea and  sent them directly back to Libya. On wednesday may 6 Italian ships intercepted three boatloads of migrants they were transferred to three Italian ships and by Thursday morning they were returned to Tripoli.

Quei guanti di lattice, che servono a non toccare l’orrore, sono come il nostro pensiero, come i nostri ragionamenti sull’immigrazione-sì e l’immigrazione-no, le quote, i conteggi, i controlli, le leggi. Le guardie di finanza usano guanti di gomma e noi usiamo guanti mentali. Proprio come loro li indossiamo per non entrare in contatto con il male fisico, con la sofferenza dei corpi.

Ma bastano una, due, tre foto come queste per farci scoprire la fisicità. Le guardiamo infatti senza più la mediazione della logica, ne percepiamo l’efferatezza e la bruttura. E saltano i ragionamenti, non c’è più bibliografia, spariscono i distinguo del “però questo è un problema complesso”. Ecco dunque la banalissima verità che sta dietro ai nostri dibattiti, al nostro accapigliarci sull’identità e sulle frontiere: stiamo buttando fuori a calci in faccia dei poveretti che ci pregano in ginocchio stringendo le mani delle nostre guardie di finanza, mani schifate e dunque inguantate.
E ci cade a terra anche la penna perché l’occhio è molto più veloce e diretto dell’intelligenza con la quale siamo abituati a mentalizzare il mondo. Ci cade la penna perché capire e spiegare è già tradire l’orrore, significa infatti infilarsi il guanto dell’orientamento politico, dei libri che abbiamo letto, della nostra battaglia contro la xenofobia, significa parlare dell’esplosione demografica e del deflusso inarrestabile dell’umanità dai paesi dell’infelicità a quelli dell’abbondanza… E invece qui non si tratta né di cultura né di generosità, qui il pensiero si mostra per quel che è: un guanto di lattice, appunto.
Qui ci sono da un lato i corpi tozzi, grassi e forti della Legge, la nostra legge, e dall’altro lato i corpi umiliati e maltrattati dei disperati che non vogliamo in casa nostra e che respingiamo. E nella loro sofferenza c’è un surplus di mistero che non si esprime necessariamente nella magrezza e nelle cicatrici perché – guardateli bene – quei corpi avviliti sono ben più vigorosi dei corpi sformati degli aguzzini che ci rappresentano, degli italiani “brava gente” con il manganello. Sembrano addirittura più sani, certamente sono più vivi.
Dunque ancora una volta è l’occhio l’organo vincente. Ancora una volta scopriamo che la mente ci abitua a non vedere le cose. E’ infatti facile dire che in casa nostra devono entrare solo quelli che hanno un permesso di lavoro e che ci vuole un legge per facilitare le espulsioni dei clandestini. Grazie alle foto dei reporter di Paris Match ora sappiamo che tutto questo significa una scarponata sulle dita di una mano aggrappata alla murate di un’imbarcazione , o un pugno sui denti o…

2009_05_15 appunti2

[…] Davanti a queste foto ragionare diventa un crampo. Guardate che cosa è la fisicità della politica della dolce e bella Italia: respingere a calci, prendere di peso gli infelici e buttarli fuori dalla Bovienzo che fa servizio da Lampedusa a Tripoli, portarli davanti alle coste libiche e far credere loro che è ancora Italia, trascinarli a terra nudi. E non sono foto di scena, immagini di un film, non sono finzioni. E’ davvero questa la nostra politica, con un rapporto stretto tra quello che qui stiamo vedendo e quello che qui non si vede. La nave Bovienzo infatti è come le nostre strade di notte dove piccole creature nere si vendono ai camionisti. La Bovienzo è la violenza sulle donne, anche quella che ci viene restituita in forma di stupro. La Bovienzo sono i soprusi e il disprezzo per i miserabili. La Bovienzo sono le ronde razziste e i barboni bruciati. La Bovienzo è l’Italia dei mille divieti e dei mille egoismi. La Bovienzo è l’Italia generosa che è diventata feroce per paura. La Bovienzo è l’Italia che guardando queste foto si riconosce irriconoscibile: ma davvero siamo noi?

Francesco Merlo
La Repubblica, 15 maggio 2009

Nota: Le foto sono tratte dal reportage della rivista Paris Match,
realizzato sulla nave “Bovienzo” da François De Labarre.
Il francese è faticante, ma è lettura doverosa:
(1) Immigrants: le rêve brisé
(2) Le drame des clandestins

 

* * *

[originariamente pubblicato nel blog “Il teatro di Sisifo”,
sulla piattaforma Splinder]

* * *

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annunci

Pubblicato il 15 maggio 2009 su Con parole d'altri, Politica, per così dire. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 2 commenti.

  1. GinoDiCostanzo

    Bell’articolo, semplice e diretto.
    Ciao

  2. alessandromelis

    già. semplice e diretto. è così che si modula il grido. ce la faremo, a resistere? dobbiamo.
    grazie, Gino.
    A presto,
    A.

Rispondi a GinoDiCostanzo Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...