Archivi categoria: Cose belle

tutto il mio folle amore

Leggi il resto di questa voce

Annunci

paradossi dello sguardo (4) – Émile Cohl


Senza di lui non ci sarebbe stato Walt Disney. Non ci sarebbero stati i Fleischer, con Braccio di Ferro e Betty Boop, né Bugs Bunny targato Tex Avery. Il disegno animato festeggia quest’ estate il suo primo secolo e il suo inventore, Émile Cohl, francese come il resto della trinità del grande schermo: i Lumière, nel 1895 padri del cinema, e Georges Méliès, nel 1896 nonno del fantasy.
Il 17 agosto 1908 è la data del primo cartoon, Fantasmagorie, battesimo di Fantoche, antenato di Topolino. Minuscolo, infantile nell’ indole e nei tratti – un cerchietto, gambe e braccia a bastoncino – il prototipo dei futuri eroi a matita diventa l’icona di Cohl, jolly ricorrente nei suoi corti animati, lesto e strampalato in gesti, stratagemmi e trasformazioni. Fantoche è un pupattolo elementare ma il lapis che lo disegna è d’un veterano.

Leggi il resto di questa voce

paradossi dello sguardo (3) – Lumiére e Méliès

Come sanno anche i bambini (o come dovrebbero sapere anche i bambini se il cinema, espressione fondamentale della nostra epoca, fosse studiato nelle scuole), in principio c’erano due linee di pensiero: quella del documentario, della realtà, codificato dai fratelli Auguste e Louis Lumière con i loro film dedicati, appunto, al mondo reale (L’uscita dalle fabbriche, L’arrivo di un treno alla stazione della Ciotat); e quella fantastica, onirica, inventata, nata con Georges Méliès, che con Viaggio nella Luna, sulla scia degli spettacoli di magia del diciannovesimo secolo, ha fondato il cinema di fantascienza e, poi, molto di più.

A. e L. Lumière – La Sortie de l’Usine Lumière à Lyon (1895)

Leggi il resto di questa voce

il lavoro dell’attore su se stesso

2008_04_30 occhio santa croce

foto di Michele Greco

Leggi il resto di questa voce

Regalo di compleanno

Leggi il resto di questa voce