Archivi categoria: Dante

Sapienza

22 Bacon

«Quelli ch’usurpa in terra il luogo mio,
il luogo mio, il luogo mio che vaca
ne la presenza del Figliuol di Dio,

fatt’ ha del cimitero mio cloaca
del sangue e de la puzza; onde ‘l perverso
che cadde di qua sù, là giù si placa».

Di quel color che per lo sole avverso
nube dipigne da sera e da mane,
vid’ ïo allora tutto ‘l ciel cosperso.

Leggi il resto di questa voce

Annunci

La morte bella

19 Santostefano

Poi vidi genti accese in foco d’ira
con pietre un giovinetto ancider, forte
gridando a sè pur: “Martira, martira!”.

E lui vedea chinarsi, per la morte
che l’aggravava già, inver’ la terra,
ma de li occhi facea sempre al ciel porte,

orando all’alto Sire, in tanta guerra,
che perdonasse a’ suoi persecutori,
con quello aspetto che pietà disserra.

Quando l’anima mia tornò di fori
a le cose che son fuor di lei vere,
io riconobbi i miei non falsi errori.

Pg XV 106-117

Leggi il resto di questa voce