Archivio mensile:aprile 2008

il lavoro dell’attore su se stesso

2008_04_30 occhio santa croce

foto di Michele Greco

Leggi il resto di questa voce

Annunci

bella, ciao

 Gino Fantini (25 settembre 1924 – 23 luglio 1944), partigiano, ventenne

E ieri, proprio ieri, è stata la volta del viale di pioppi. Sono venuti alcuni violenti armati di scure e di sega, e hanno cominciato la strage. Mi sono avvicinato, e ho riconosciuto fra essi Brighella, il figlio di Barcarola, che si apprestava a vibrare il primo colpo. «Brighella, gli ho detto timidamente, taglierete soltanto gli alberi vecchi?». Si è voltato verso di me con gli occhi iniettati di sangue: «Non lasceremo neanche una radice», mi ha risposto. Allora sono tornato a casa, ho chiuso le imposte per non sentire lo schianto degli alberi che crollavano, e in memoria di tutti gli uomini che muoiono, di tutte le piante che cadono, di tutte le cose che finiscono, ho riletto il canto del dolore e della speranza: «De Profundis clamavi ad te, Domine». [Salvatore Satta]

Non so se sono pochi
o troppi vent’anni, per morire
tra i piedi gonfi di una vecchia patria
uccisa tra le grida inascoltate
dei pochi ch’erano rimasti a piangere
sugli ultimi alberi abbattuti.
Vent’anni aveva, o pochi più, zio Pietro,
quando lo ha preso quel vento di mitraglia
da qualche parte, sulle montagne stanche
della Venezia Giulia.
Zio Pietro è morto all’ombra di altri monti
col fazzoletto rosso stretto attorno al collo,
soldato fuggitivo, partigiano.
E io mi illudo che sia stato largo
e caldo, come un abbraccio liberante,
quel suo morire altrove, quello strazio
di carni e di pensieri, rimasti a germogliare
sopra una terra nuova.
Mi illudo che corresse a liberare, a ripulire
dalle muffe e dai vermi i nostri simboli,
che rinascesse in quella folle corsa
di battaglie e inutili dolori
l’Italia liberata, che schiudesse
gli occhi viola di pianto, dopo la notte triste.

Leggi il resto di questa voce

all’arte questo ho dato


Perduto dentro notti osate andando

Carta. Bianca. Fuoco e carta, dubbi. Dubbi e fuoco sugli amori. Carta. Muri invalicabili, privi di finestre, fughe intentate, inventate trattenute tra coperte di letti raccattati,
fuoco e carta; dietro tombe di decomposta giovinezza; dentro un bicchiere di illusione e fuoco, di Nerone, e carta.
Carta e parole dal passato, da un Altrove che è esistito e si è cantato.

Leggi il resto di questa voce